Clicca qui per ottenere il bonus scommesse!
 
≡ Betting Exchange

Fare dutching sul mercato esito finale con il betting exchange

in Strategie Betting Exchange

dutching esito finaleUno dei mercati preferiti dagli utenti betting exchange è Esito Finale che corrisponde al classico 1X2 della vecchia schedina del Totocalcio vediamo come poterlo utilizzare puntando su due segni invece che su uno solo.

Sappiamo che è definita dutching la tecnica dove si puntano due o più selezioni nella stessa schedina e che è in genere utilizzata sul mercato risultato esatto e sugli antepost, vediamo come sfruttarla sul mercato esito finale.

Il dutching sul mercato esito finale

Nel betting exchange puntare due segni diversi equivale a bancare il terzo risultato disponibile, ad esempio puntare sul segno 1 e la X equivale a bancare il 2 come mai allora scegliere di fare due puntate differenti?

Effettuare due scommesse in modalità Punta sul mercato esito finale è utile nel caso in cui si decida di bilanciare in maniera differente una vincita ritenendo che la probabilità che esca uno dei due segni è più alta dell’altra.

Facciamo un esempio pratico prendendo il match di Serie A Sampdoria – Cesena, ecco quali erano le quotazioni prematch:
– Sampdoria (1) a 1.60
– Pareggio (X) a 4.10
– Cesena (2) a 7.40

Prendendo come riferimento il pronostico del sito QuoteScommesseCalcio.com si dava come sfavorito il Cesena ma si riteneva la squadra emiliana ostica e capace di fare bene.

Partendo da questa base e ipotizzando di voler rischiare al massimo 25 euro la soluzione classica sarebbe stata quella di bancare il Cesena a 7.60 con una vincita di circa 3,80 euro come di seguito mostrato.

banca cesena

La vincita sarebbe quindi stata bilanciata uniformemente, i soldi guadagnati sarebbero stati 3,80 sia nel caso in cui la Sampdoria avesse vinto sia nel caso in cui il match fosse finito in pareggio.

Considerando il pronostico QSC dove non era data per scontata la vittoria di casa si è deciso di optare in maniera differente inserendo la maggior vincita sul pareggio e rilegando ad un quasi VOID la vittoria dei blucerchiati, come di seguito mostrato.

puntare-due-segniCon questa soluzione si sono puntati 16 euro sull’1 della Sampdoria e 9 euro sul pareggio ottenendo che in caso di segno 1 finale ci sarebbe stato un profitto di 0,60, nel caso di pareggio di 11.90 euro e il tutto con lo stesso margine di rischio della prima soluzione, cioè 25 euro di responsabilità.

Il match è poi finito 0-0 e questo ha permesso una vincita fino a 11,90 invece che 3,80. Questo è stato possibile solo grazie alla scelta di effettuare un dutching sull’esito finale cioè di puntare due segni invece che effettuare una bancata.

Questo è uno dei tanti vantaggi del betting exchange, quello di avere un completo controllo della scommessa.

Nel caso specifico possiamo poi fare altre osservazioni interessanti per cui può essere utile mettere la maggiore vincita sul pareggio.

Partiamo con il dire che ogni match parte dallo 0-0 quindi dal segno X, avendo la maggiore vincita proprio in questa casistica più passerà il tempo più velocemente si otterrà un profitto.

Un altro vantaggio è che nel caso in cui dovesse andare in vantaggio la squadra avversaria, nel nostro caso il Cesena, sarà più facile rimanere in partita rispetto ad una maggiore vincita spostata sull’1.

Gli svantaggi di questo tipo di approccio sono, la maggiore difficoltà ad impostare la vincita inizialmente rispetto al classico Banca e il fatto che nel caso in cui fosse andata in vantaggio subito la Sampdoria la vincita finale sarebbe stata minore.

Comunque sia questo è il bello del betting exchange, di volta in volta si può decidere l’approccio migliore in base al pronostico individuato.

{ 2 commenti }
  • Eddy

    Salve,non ho ben capito il ‘vantaggio’ in caso fosse andato in vantaggio il Cesena.Calcolando che la Samp avrebbe potuto pareggiare e\o ribaltare il risultato va bene,ma come rimediare se il Cesena fosse rimasto a lungo in vantaggio magari anche vincendo?In pratica,come eliminare o diminuire la perdita in caso di segno 2?grazie

    Rispondi
    • Redazione

      Il primo punto in qualsiasi tecnica è di avere una previsione sull’andamento del match. In questo caso invece di giocare l’1 la considerazione è stata quella di rimanere più sulla X perché dall’analisi del pronostico il match sembrava da 1X ma l’1 non era sicuro.

      Se ci fosse stato il goal del Cesena avendo la maggiore vincita sulla X la perdita nell’immediato sarebbe stata inferiore rispetto al bancare direttamente il Cesena.

      Per quanto concerne la logica di eliminare la perdita, quello rientra nelle casistiche di cosa fare in caso di errata direzione del mercato e trovi qui un apposito articolo http://bettingexchange.it/coprire-o-non-coprire-la-scommessa-in-caso-di-errata-direzione-13257/ .

      La cosa importante è non cadere nell’errore di “raddoppiare” e rischiare di aumentare ulteriormente la perdita.

      L’ideale è giocare sempre un importo minimo, in genere il 5% della cassa, in maniera tale da potersi permettere di lasciare aperta la scommessa sapendo di rischiare solo una minima parte del capitale. Quindi nel tuo caso se il Cesena fosse andato in vantaggio si poteva tenere aperta la scommessa aspettando il pareggio.

      Trovi informazioni su quanti soldi giocare nella singolo trading betting exchange qui http://bettingexchange.it/quanti-soldi-rischiare-al-massimo-su-una-scommessa-punta-e-banca-16144/ .

      Rispondi
Scarica Gratis la Guida Betting Exchange in PDF:
– Introduzione al Betting Exchange
– Differenze con le scommesse tradizionali
– I vantaggi del Punta e Banca
– Cosa significa puntare e bancare scommesse
– Cosa è l’abbinamento delle scommesse
– Cosa è lo Scalping
– Come fare soldi prima che inizi l’evento
– Gli strumenti per fare soldi con il Punta e Banca

CLICCA QUI PER AVERLA (E’ GRATIS)!

Inserisci un commento o una domanda

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul link per leggere l'informativa estesa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi