Clicca qui per ottenere il bonus scommesse!
 
≡ Betting Exchange

Intervista ad AAMS su Betting Exchange, liquidità condivisa e Ippica (esclusiva)

in Primo piano, Ultime Notizie

Francesco Rodano AAMSLa redazione di BettingExchange.it ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Francesco Rodano responsabile del gioco a distanza per AAMS per capire la direzione delle scommesse online in Italia e in particolare del Betting Exchange. L’intervista è molto interessante e dimostra come AAMS stia lavorando per creare un prodotto sempre più di qualità nel nostro Paese.

BettingExchange.it: Come si colloca l’introduzione del Betting Exchange (Punta e Banca) all’interno dell’offerta AAMS?
Francesco Rodano (AAMS): “Il Betting Exchange è una modalità di gioco online che esiste sul mercato da molti anni (basti pensare che Betfair, ad esempio, ha iniziato le proprie operazioni nel 2000), e che in passato è stata praticata da molti italiani sui siti non autorizzati, in mancanza di un’alternativa legale. L’introduzione del Betting Exchange è solo l’ultimo tassello della scelta, operata da tutti i governi che si sono succeduti dal 2000 in poi, di regolamentare via via tutti quei giochi online già largamente disponibili su internet e offerti da operatori su cui lo Stato non poteva operare alcun controllo. Questa operazione ha riportato alla luce una larga fetta del gioco illegale, e ciò ha consentito ai giocatori italiani di trovare giochi simili a quelli precedentemente offerti solo dal circuito illegale, ma in un ambiente sicuro e strettamente monitorato.”

BE.it: La liquidità condivisa con gli altri mercati regolamentati europei porterebbe un importante beneficio al betting exchange minimizzando le differenze con le attuali piattaforme .com non autorizzate. E’ un obiettivo su cui AAMS sta puntando? Eventualmente che tipo di tempistiche potrebbe richiedere?
Rodano: “Se si guarda l’Europa, attualmente il Betting Exchange è regolamentato nel Regno Unito e lo sarà a breve in Spagna. Si tratta di due giurisdizioni con cui AAMS ha già, da anni, una stretta collaborazione. La possibilità di condividere la liquidità, per i giochi multi-giocatore, con questi Paesi è molto interessante ed è attualmente in una fase di studio preliminare. E’ ancora presto per ipotizzare se e quando si riuscirà effettivamente a realizzare il progetto.”

BE.it: Una delle discipline preferite dai trader sportivi è l’ippica che non sarà presente inizialmente nel punta e banca. Si può prevedere una sua introduzione nel prossimo futuro magari attraverso l’unificazione dei protocolli (ippica e scommesse)?
Rodano: “Le scommesse ippiche, per motivi storici, hanno tuttora una disciplina completamente distinta e indipendente da quella delle altre scommesse sportive. Un’eventuale “armonizzazione” in futuro dipenderà da decisioni dell’autorità politica e non del regolatore. La prossima attuazione della Delega fiscale (legge 11 marzo 2014, n. 23) potrà rappresentare un’occasione di razionalizzazione dell’intero comparto dei giochi pubblici.”

BE.it: L’orario di chiusura delle scommesse dalle ore 03:00 alle ore 07:00 è al momento un fattore limitante rispetto all’offerta dei .com, possiamo immaginarci in futuro un orario continuato?
Rodano: “La limitazione dell’orario è dovuta alle caratteristiche tecniche del sistema di controllo centralizzato, che richiede alcune ore di fermo notturno. La fattibilità di un’eventuale estensione dell’orario fino a renderlo h24 è in corso di studio assieme al partner tecnologico Sogei.”

BE.it: La soddisfazione degli utenti italiani per i siti autorizzati da AAMS è sempre più alta anche grazie all’introduzione oltre che del betting exchange, delle scommesse virtuali e dei palinsesti personalizzati che rendono ora l’offerta altamente competitiva. Un fattore critico al momento è il pagamento delle scommesse vinte alla fine del match. Soprattutto sui match serali a volte sono necessarie molte ore prima di poter riscuotere la vincita. Si prevede una ottimizzazione del processo per il futuro?
Rodano: “Gli eventi che fanno parte dei palinsesti personalizzati, la cui numerosità tra l’altro sta crescendo sensibilmente, sono gestiti autonomamente dai concessionari, e pertanto le relative vincite sono accreditabili immediatamente dopo il loro esito. Per quanto riguarda il palinsesto ufficiale, l’obiettivo di AAMS è proprio quello di ridurre al minimo i tempi per la riscossione.”

BE.it: Partendo dal presupposto che l’offerta è AAMS è sempre più competitiva e diventa la migliore pubblicità per far rientrare utenti che attualmente usano siti illegali vorremo farle un’ultima domanda.
Attualmente AAMS pubblica una lista di domini da bloccare per i vari provider italiani ma esistono provider internazionali fortemente utilizzati dagli utenti italiani che non utilizzano tale lista. Quali sono le prossime azioni di contrasto al gioco al gioco illegale?
Rodano: “La cosiddetta black-list è facilmente aggirabile, come è noto. Si tratta però di uno strumento di comunicazione molto efficace. I siti di gioco sia legali che illegali sono “esteticamente” molto simili, se si eccettua il logo di AAMS in un angolo. Grazie alla black-list, e alla pagina che appare quando si prova ad accedere a un sito non autorizzato, ora tutta la platea di potenziali giocatori sa che esistono siti legali e siti illegali. Se poi i giocatori riescono ad aggirare il blocco, lo fanno consapevolmente e a loro rischio e pericolo, tra l’altro commettendo un reato secondo le leggi italiane.
Per contrastare il gioco illegale AAMS ha seguito altre tre linee di azione. Primo, la regolamentazione di un’offerta legale che sia quanto più competitiva possibile con quella dei siti non autorizzati. La competizione, però, non sarà mai perfetta, perché gli operatori illegali non pagano tasse e non hanno limitazioni regolamentari. Secondo, il rilascio di concessioni a un gran numero di operatori che in precedenza agivano attraverso siti .com. Oggi la maggior parte dei più noti marchi di scommesse, poker e casinò hanno un sito autorizzato .it, e pertanto offrono i loro giochi solo in maniera legale. Terzo, la cooperazione con i principali fornitori internazionali di giochi, soprattutto di casinò, che hanno deciso di non offrire più i propri prodotti a siti che operavano in Italia senza concessione AAMS. I sette principali fornitori hanno già agito in tal senso, o lo faranno nei prossimi mesi, così che i giocatori che cercano i loro giochi (tra l’altro molto popolari) li troveranno esclusivamente presso il circuito legale.”

Nota: è possibile riprendere in parte il contenuto dell’intervista per pubblicarlo su altri siti o quotidiani purché sia citata e linkata la fonte http://BettingExchange.it

{ 5 commenti }
  • Tony Agostinelli

    Molto molto bene, l’ippica mi manca molto ma intanto mi diverto con il tennis e il calcio.

    Rispondi
  • kardik68

    mi sembra che vada tutto nella giusta direzione, non me lo aspettavo, meglio così 🙂

    Rispondi
  • Freebird

    Salve,

    ho letto con molto interesse questa intervista ad AAMS, sono un trader professionista e ho utilizzato soprattutto l’ippica almeno fino alla chiusura di betfair.com.

    Vedo ora uno spiraglio di luce per chi come me ama giocare soprattutto sulle corse dei cavalli inglesi.

    Spero che ora la politica si muova velocemente per portare l’ippica nel posto che merita.

    Rispondi
  • GIanni

    Salve, da principiante assoluto c’e’ qualcuno che mi puo’ spiegare gentilmente il valore monetario sotto le quote Punta e Banca. Faccio un es. se sotto la quota Punta ci sono 50€ , significa che io non posso scommettere piu’ di €50 perche’ non c’e’ abbastanza liquidita’ e quindi la scommessa potrebbe essere non “coperta” ? La stessa cosa vale anche per quanto riguarda il Banca , cioe’ non si puo’ o non vale la pena mettere piu’ soldi di quanto c’e’ ne sono sotto.

    Un altra cosa chiedo con cortesia….giocando live ci sono quote gia’ impostate che poi eventualmente poi cambiano , ma ecco , si devono giocare per forza di cose le quote che sono presenti in quel momento? cioe’ se sotto Punta trovo quota 1.80 , la devo giocare 1.8 o il sistema non la passa o cosa accade?

    Abbiate pazienza e che sono un niubbo totale su questa modalita’ di gioco. Grazie per l’attenzione.

    Rispondi
    • Redazione

      Ciao Gianni, trovi tutto nella guida qui: http://bettingexchange.it/guida-betting-exchange/ . E’ in particolare ti consigliamo di leggere il file PDF. 😉

      Per avere delle risposte puntuali è necessario prima di tutto che tu legga la guida e poi puoi lasciare i commenti specifici all’interno degli articoli del sito cercando di trovare quelli più attinenti alla tua necessità.

      Rispondi
Scarica Gratis la Guida Betting Exchange in PDF:
– Introduzione al Betting Exchange
– Differenze con le scommesse tradizionali
– I vantaggi del Punta e Banca
– Cosa significa puntare e bancare scommesse
– Cosa è l’abbinamento delle scommesse
– Cosa è lo Scalping
– Come fare soldi prima che inizi l’evento
– Gli strumenti per fare soldi con il Punta e Banca

CLICCA QUI PER AVERLA (E’ GRATIS)!

Inserisci un commento o una domanda

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul link per leggere l'informativa estesa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi