Tassa 0,5% sulle scommesse: arrivano dettagli specifici per il betting exchange

In data 9 settembre 2020 l’Agenzia delle Dogane e Monopoli (ADM) ha pubblicato sul suo sito la determinazione direttoriale “Modalità di calcolo e di applicazione dell’importo dello 0,5 per cento della raccolta sulle scommesse di cui all’ articolo 217, comma 2, del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34”.

Il documento è disponibile in formato PDF facendo clic qui ed aiuta a risolvere il problema che era sorto nella fase iniziale del decreto quando la norma rendeva impossibile applicare la tassa sulle scommesse in modalità betting exchange.

L’importante novità che farà piacere a tutti gli amanti del scommesse Punta e Banca è che ora ADM ha trattato con un focus specifico come applicare la tassa su questa modalità di gioco.

In particolare la tassa sarà applicata, come il buon senso faceva pensare, solo alle scommesse vincenti, solo sulle abbinate e solo sulla differenza tra gli importi in Punta e in Banca e al netto dell’imposta unica.

Ecco il testo specifico inserito nella determinazione direttoriale: “applicando l’aliquota dello 0,5 per cento alla raccolta delle scommesse a distanza a quota fissa con interazione diretta fra i giocatori, intesa come la sommatoria di tutti gli importi abbinati lato banco e lato puntata, al netto dell’imposta unica. La corresponsione di tale somma è imputata interamente sui giocatori risultati vincenti, e l’importo è calcolato applicando, a cura del concessionario, l’aliquota dello 0,5 per cento alla raccolta maturata nell’ambito di ciascun mercato, intesa come la sommatoria di tutti gli importi abbinati lato banco e lato puntata, al netto dell’imposta unica maturata sulle giocate calcolabile in sede di liquidazione del mercato stesso.

Gli operatori da noi contattati hanno ancora qualche dubbio sulla corretta applicazione del calcolo e pertanto sarà opportuno da parte di ADM fornire una simulazione concreta al fine di semplificare la comprensione della norma.

La notizia principale però è che finalmente con questa determinazione direttoriale vengono fornite informazioni specifiche per l’applicazione della tassa sul Punta e Banca, tenendo conto delle sue caratteristiche peculiari.

Si tratta quindi di un’altra buona notizia non solo per gli amanti del betting exchange in Italia, ma del gioco legale in generale.

Chiudere infatti questa modalità di scommesse per un errore normativo, avrebbe creato un forte danno a tutto il comparto del gioco legale a vantaggio di quello illegale.


Siti e Bonus

Per usare le scommesse Exchange è possibile usare questi siti:

Betfair: 10 EUR subito + 400 EUR di benvenuto. Clicca qui per Visitare il sito

Betflag: Fino a 400 euro senza deposito per le scommesse. Clicca qui per Visitare il sito

Riservato ai maggiorenni. I siti indicati sono autorizzati dallo Stato italiano. Giocare con moderazione, il gioco può creare dipendenza.

Giulio Giorgetti

Amministratore del sito Betting Exchange®

3 commenti

  • Salve, vorrei porre una domanda per una maggiore delucidazione sulla tematica.

    Posto che la tassa verrà applicata unicamente ai giocatori vincenti che hanno operato sulle piattaforme exchange (e non sulle giocate effettuate con i classici bookmaker in cui sono possibili solo giocate in puntata), ho letto i vari scaglioni temporali su cui verrà applicata la tassazione, a partire dal range 20 Maggio – 31 Agosto.

    Quindi tutte le giocate effettuate su exchange precedentemente al 20 Maggio 2020 non sono oggetto di alcuna tassazione supplementare giusto?

    Ringrazio anticipatamente per la disponibilità e il supporto.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Refresh